giovedì 6 ottobre 2011

Riflessioni - In compagnia di Facebook

 
Ho inviato questo messaggio ad un'amica in Facebook, uno dei tanti volti sconosciuti che mi accompagnano nel più famoso Social Network della rete. Spero che M. mi perdonerà per averla pubblicata, ho avuto l'accortezza di eliminare i riferimenti personali che la riguardano, ma mi è sembrata così esplicativa della mia realtà d'ogni giorno, in questa bellissima era tecnologica (vedi il mio articolo "Evviva la tecnologia?"), che ho pensato di pubblicarla per incoraggiare chiunque abbia ancora qualche dubbio su iscriversi o meno in Facebook.
Un'altro argomento prendo qui in esame e cioè la necessaria libertà di essere sé stessi, una pratica che mi impegna da una vita, trascurando le mode, le critiche eccessive, la paura della solitudine o della noia.
Un po' di coraggio, dunque, ci sarà sempre tempo e modo per tornare sui propri passi se l'esperienza non regalerà nessuna soddisfazione!

".......

Per me non è strano parlare con gente che non conosco, mio marito dice che, in fondo, siamo tutti fratelli su questa terra ed è un concetto che aiuta a superare le differenze.
Una cosa "strana" che mi caratterizza è che non ho una grande necessità di socializzare, a differenza della massa che mi circonda, per questo vengo fraintesa, si fatica a comprendere che, semplicemente, sono un'introversa.

Se vengo stimolata ed incuriosita o se mi si chiede un piccolo aiuto, non rimango indifferente, ma non ho regole, non coltivo amicizie soltanto per combattere la solitudine e quasi mai soffro di noia.

In giornate o periodi particolari, quando sono di grandissimo buon umore o quando mi si apre quella piccola finestra sul mondo, inizio a comunicare, divento molto socievole, poi di nuovo mi chiudo in lunghissimi silenzi durante i quali mi occupo di tutti gli interessi che assorbono ogni spazio ed energia.

Un piccolo quadro, dunque, della personalità che potresti incontrare avendo a che fare con me, nella piena libertà di esserci sempre, qualche volta o mai.
Immagino di averti confuso ulteriormente le idee, ma se le cose fossero troppo semplici, che gusto ci sarebbe a scoprirle? ;-);-)

Un saluto a te e alla tua bella famiglia."

Flory B.